5-7 maggio 2021: conferenza online a Barcellona

Siamo felici di annunciare la conferenza online “Pratiche intersezionali” dell’Università Rovira e Virgili di Barcellona alla quale parteciperanno Nadia Babani, Elena Skoko e Alessandra Battisti, in rappresentanza di OVOItalia. Porteremo le nostre e le vostre esperienze, metodi, dati, e azioni legati alla violenza ostetrica in Italia.

L’iscrizione è aperta e gratuita: https://bit.ly/3cn2ox6 

Le iscrizioni sono aperte e gratuite. Tutte le informazioni sono disponibili sull’Evento Facebook: LINK

Il programma:

Madri attiviste si raccontano nella nuova pubblicazione dell’Università del Salento

Siamo felici di annunciarvi una nuova pubblicazione sulla nascita per la quale abbiamo dato il nostro contributo, insieme ad altre colleghe madri attiviste, accademiche, professioniste:

Daniela Danna (ed.), Nascere e mettere al mondo. Sguardi sociali e filosofico politici, Atti della Summer School (23-26.09.2020), Università del Salento, Lecce 2020. e-ISBN: 978-88-8305-1692.
Link al documento intero: http://siba-ese.unisalento.it/index.php/nascere.

Segnaliamo in particolare:

Esterina Marino, Il contatto come forma di comunicazione con il neonato. L’esperienza delle Madri di Comunità©

Elena Skoko, Attivismo evidence-based. Madri attiviste e diritti umani nella nascita in Italia (2009-2020)

Denise Montinaro, Empowerment femminile e parto come esperienza di benessere

OVOItalia ospite della Provincia di Perugia

Il 27 novembre 2020 saremo presenti alla conferenza online sulla violenza ostetrica organizzata dalla Provincia di Perugia. La nostra avv. Alessandra Battisti condividerà lo schermo dal vivo per la prima volta con la rappresentante degli ostetrici e ginecologi ospedalieri Elsa Viora. L’evento è gratuito e aperto, ospitato sulla piattaforma Zoom, di cui i dettagli sulla locandina.

https://web.facebook.com/provincia.perugia.it/videos/404232220694787

“Nascere e mettere al mondo”: scuola estiva dell’Università del Salento

Vi invitiamo alla scuola estiva “Nascere e mettere al mondo” dell’Università del Salento in cui insegneranno le madri attiviste di #bastatacere, Elena Skoko, Alessandra Battisti, Denise Montinaro e Esterina Marino insieme a Barbara Katz Rothman, Mariam Irene Tazi-Preve, Josefina Goberna, Nadia Maria Filippini, Rosanna Basso, Nicoletta Poidimani, Marisa Forcina, Elena Laurenzi, Fina Birules, Pina Nuzzo, Daiana Foppa, Stella D’Arpe e Daniela Danna.

La scuola si svolgerà dal 23 al 25 settembre 2020 (dalle 9.30 alle 18); 50 i posti disponibili, di cui 25 riservati a studenti (sia UniSalento che di altre Università, anche dei corsi di ostetricia), 10 a personale docente e tecnico, 7 a professionisti/e in campo socio-sanitario e 8 a esterni/e interessati a queste tematiche.

Invia la tua candidatura con lettera di presentazione e motivazione
(max 2000 caratteri) e CV a protocollo.sssu@unisalento.it. La partecipazione è gratuita, le iscrizioni sono aperte fino al 15 luglio. Vi aspettiamo! 

Iniziativa internazionale “Più sicurezza insieme”: #safertogether

Assistenza rispettosa alla maternità e nascita nell’emergenza COVID-19

1

L’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia e il Centro Collaboratore con l’OMS per la Salute Materno Infantile IRCCS Burlo di Trieste aderiscono all’iniziativa #safertogether (più sicurezza insieme) promossa dall’associazione internazionale White Ribbon Alliance sulla promozione dell’assistenza rispettosa alla maternità e nascita durante l’emergenza COVID-19 e invita la cittadinanza, i professionisti sanitari e le istituzioni alla partecipazione e sensibilizzazione.

Le donne e i neonati hanno bisogno di un’assistenza alla nascita caratterizzata dalla qualità, dall’appropriatezza e dal rispetto. Il personale sanitario deve essere sostenuto nell’erogazione di questa modalità di cura, senza eccezioni e persino durante l’emergenza COVID-19, che ha messo a dura prova i sistemi sanitari già indeboliti.

Tutti siamo chiamati a fare la nostra parte per assicurare che le donne e i neonati abbiano accesso agli interventi salva-vita e che il loro diritto alla dignità e al rispetto durante la gravidanza e il parto siano integrati nella cura.

Invito all’azione:

GOVERNI

  • Classificare i servizi riproduttivi e l’assistenza alla maternità come essenziali e prioritari nella risposta all’emergenza
  • Includere i rappresentanti di utenti e gli esperti della salute materna e neonatale nelle task force
  • Assicurarsi che il personale sanitario abbia accesso all’acqua, alle misure sanitarie ed igieniche e ai sistemi di protezione adeguati
  • Promuovere l’informazione basata sulle evidenze scientifiche e le migliori pratiche e facilitare la ricerca sulla salute riproduttiva, materna e neonatale
  • Mantenere la trasparenza e l’accountability, incluso l’accesso tempestivo ai dati

ASSOCIAZIONI E MEDIA

  • Condividere con le donne, le famiglie e il pubblico generale informazioni basate su evidenze scientifiche e le migliori pratiche
  • Rendere noti ai decisori politici e amministrativi i dati e gli insegnamenti provenienti dalle esperienze delle donne in gravidanza, parto e puerperio
  • Raccogliere e disseminare esempi di migliori pratiche “spontanee” che possono essere implementate in altri contesti

AMMINISTRATORI E DECISORI POLITICI

  • Pubblicare raccomandazioni basate sulle migliori evidenze ed aggiornarle continuamente
  • Assicurarsi che il personale sanitario segua le migliori evidenze
  • Assicurarsi che il personale sia adeguatamente attrezzato e protetto
  • Potenziare il coordinamento della rete territoriale
  • Facilitare l’assistenza e la presa di decisioni al livello domiciliare

FINANZIATORI PUBBLICI E PRIVATI

  • Creare massima flessibilità per azioni rapide e disponibilità di fondi
  • Rendere prioritari e continuativi i finanziamenti per la salute globale con l’investimento nella forza lavoro e nei sistemi sanitari
  • Rendere la ricerca e la raccolta dati prioritarie per capire l’impatto del virus sulla salute materna e neonatale

ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI

  • Comunicare in modo chiaro e coerente con i propri organi di rappresentanza, con i propri iscritti e con il pubblico generale
  • Produrre comunicazioni in linea con associazioni professionali al livello internazionale e nazionale

ITALY: Position Statement for Respectful Maternity Care in COVID-19 crisis

Logo trio OVO-Goccia_Lapo

Position Statement

Obstetric Violence Observatory in Italy (OVOItalia), La Goccia Magica, CiaoLapo

ITALY: COVID-19 crisis and RMC (Respectful Maternity Care)

“ I gave birth six hours ago and my baby was taken to the nursery, no one is giving me any kind of information about my baby or when I’ll have her back in my room. I feel pain and heat in my breasts. My care givers say it is normal but I don’t feel reassured.”

“ I’ve already come back home from hospital and I feel a lot of pain when my baby is breastfeeding. My care givers said it is normal at the beginning, but I don’t feel like I can stand this.  I can’t imagine that breastfeeding should be so painful, my breasts are very stiff and I have chills.”

“When I was in the hospital I received a stillbirth diagnosis and my care givers said that my husband could not come in, they said that it would take a long time to have the autopsy results, but that usually nothing particular emerges. My husband asked to take a picture of our child’s, but my care givers refused to give him permission. We will never see our baby again.”

Obstetric Violence Observatory in Italy (OVOItalia) jointly with associations La Goccia Magica and CiaoLapo, in the current COVID-19 crisis, highlight the importance of RMC (Respectful Maternity Care) to protect and attain the highest health outcomes for mothers and babies. Please find the link to the full text of the position statement here (in Italian).

The World Health Organization (WHO) reaffirms that women’s and newborns’ human rights during pregnancy, birth, and postpartum are priorities of perinatal health management during the current COVID-19 crisis, in order to attain the highest level of health of the mother and baby. 

RMC (Respectful Maternity Care) should also apply when a mother is diagnosed with COVID-19  infection, and it includes:

  • dignity and respect;
  • companion of choice;  
  • clear comunication by care givers;
  • pain relief;
  • freedom of movement;
  • not separating the mother from the baby; and
  • breastfeeding support.

While isolation is a standard intervention during the COVID-19 mandatory quarantine, the needs of mothers and newborns should be promptly identified and appropriately addressed. We cannot allow women and newborns to be left behind in this crisis.

At this point in history, we see that the National Health System and care givers are collapsing under the COVID-19 crisis and the risk of nosocomial (hospital-acquired) infection for mothers and babies is greatly increased.  Consequently, the de-hospitalization of pregnancy and birth should be considered and implemented as a safeguard measure for public health.

With the aim to protect mothers’ and babies’ health and safety, the National Health System should strengthen maternity care services providing midwifery care inside the hospital and the availability of midwives to assist women at home or remotely to address their critical needs during pregnancy, birth, and postpartum.

Position statement: Emergenza COVID-19 e assistenza rispettosa alla maternità e nascita

Logo trio OVO-Goccia_Lapo

Position statement
[Position statement integrale]

Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia (OVOItalia), La Goccia Magica Odv, CiaoLapo Aps Ets*

ITALIA: Emergenza COVID-19 e l’assistenza rispettosa alla maternità e nascita

“Ho partorito da almeno 6 ore, la bambina è stata portata al nido appena nata e nessuno mi sta dando notizie di lei e di quando me la riporteranno in stanza. Sento dolore e calore ai seni e non so cosa fare, mi dicono che è normale ma questo non mi tranquillizza.”

“Sono rientrata a casa dall’ospedale solo questa mattina e provo tanto dolore quando il bambino ciuccia, mi hanno detto che è normale i primi giorni, io temo di non resistere. Non immaginavo facesse così male allattare, in più ho il seno durissimo e mi sento anche i brividi”

“In ospedale dopo averci dato la diagnosi di morte in utero ci hanno detto che mio marito non poteva entrare; ci hanno detto anche che ci sarà da aspettare per i risultati dell’autopsia ma che tanto non si trova mai niente. Mio marito ha chiesto di poter fare una foto al volto del nostro bambino ma gli hanno detto che non si può. Non lo vedremo mai più.”

L’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia (OVOItalia) insieme alle associazioni La Goccia Magica Odv e CiaoLapo ApsEts nell’attuale emergenza COVID-19 rimarcano l’importanza dell’assistenza rispettosa alla maternità e nascita al fine di garantire i migliori esiti di salute della madre e della persona che nasce. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ribadisce che nel management della salute perinatale durante l’emergenza Coronavirus è necessario mantenere alta l’attenzione sul rispetto dei diritti dei neonati e della donna in gravidanza, durante il parto e nel puerperio, e che la salute della madre e del bambino continui ad essere lo scopo primario dell’assistenza.

IMG-20200322-WA0003L’assistenza rispettosa alla maternità va mantenuta anche nel caso delle madri COVID-19 positive, e include:

  • il rispetto e la dignità;
  • una persona di fiducia a fianco;  
  • la comunicazione chiara da parte del personale sanitario;
  • la gestione del dolore;
  • la libertà nel movimento;
  • la non separazione del neonato dalla madre;
  • la possibilità di allattare.

IMG-20200322-WA0002

Nella presente situazione di isolamento estremo i bisogni delle madri e dei neonati vanno urgentemente intercettati e adeguatamente affrontati. Non possiamo permettere che le donne e i bambini appena nati siano i primi ad essere lasciati indietro.

In questo momento storico di estremo sovraccarico delle strutture ospedaliere e del personale sanitario per l’emergenza COVID-19 in corso, tenuto conto del maggiore rischio di infezioni nosocomiali soprattutto per le madri e i neonati asintomatici, la deospedalizzazione del percorso nascita si appalesa come una misura prudente e protettiva, nonché sicura.

Per tutelare le madri e i neonati, andrebbero potenziati i servizi garantiti dal sistema sanitario con ostetriche dedicate, in ospedale e sul territorio, disponibili sia in modalità remota sia a domicilio per andare incontro alle esigenze inderogabili delle donne in procinto di partorire e nel puerperio.

Aderiscono al Position statement (la lista è in aggiornamento continuo, per aggiungere la vostra associazione alla lista scrivete a bastatacere.ovoitalia@gmail.com):

IBFANOdv
La Leche LeagueOdv
Rinascere al NaturaleAps
CAV RiscoprirSìAps
NanayAps
Voci di NascitaAps
Onde di VitaAps
Città delle Mamme FrascatiOdv
PartoNaturale.net
Nascere InsiemeOdv
Spazio Arcobaleno
Allattare è ovunque lo desideri
Zoè Casa MaternitàAps
Associazione Infanzia Adolescenza G. RodariAps
ProntoMamyOdv
Centro Studi Eva Reich
Le mamme di Peter PanOdv
Il Melograno di Bologna
L’Albero della Vita casa maternitàAps
InsiemeAsd
Terra Nuova Edizioni
A conduzione familiareAps
Comitato Nascere a Salerno
CerchidarcobalenoAps
FuturaOdv
Latte & coccoleAc
Ciatu MeuAps
Allattamento IBCLCAps
Mamme alla pariAps
Associazione HamaAps
S.O.S. Teniamo la famigliaAps
DoraLuce casa maternità
CreAttivamente OstetricheAps
4MUMSAps
Kalila Community
MammachemammeAdv
Nate dalla LunaAc
Nascere in Casa UmbriaOnlus
matermundiAc
Studio Terra Madre
Fiordimamma
Ženské kruhy (Women’s Circles) (Slovacchia)
El Parto Es Nuestro (Spagna)
La Flor de la Vida Matronas – Acupuntoras (Spagna)