#Bastatacere è stata un’esperienza potente e travolgente

Era il 4 aprile di un anno fa.

12909445_264411297227379_585488977205400760_oTra le varie notifiche di Facebook una attira la mia attenzione: riguarda una nuova pagina, si chiama Basta tacere: le madri hanno voce ed è un’iniziativa che intende far conoscere il fenomeno della violenza ostetrica attraverso un mezzo immediato ed efficace, ovvero le esperienze delle madri raccontate sinteticamente in prima persona dalle protagoniste attraverso foto-cartelli.

Leggo che per le associazioni sensibili alla tematica c’è la possibilità di aderire e, senza esitare, mi confronto con le altre madri di Rinascere al Naturale Onlus e del Comitato per la Buona Nascita. Il parere è unanime, così come l’entusiasmo e la volontà di fare la nostra parte.

Così da subito siamo entrate nella famiglia delle madri attiviste che hanno curato l’iniziativa. Ricordo che, già nelle prime ore, era impressionante vedere quanto rapidamente aumentava il numero dei like alla pagina, e con esso cresceva la nostra emozione, il nostro entusiasmo.

12809705_264412523893923_500122196965867031_nInsieme ai like aumentava vertiginosamente il numero di messaggi privati con foto-cartelli da pubblicare. Tantissimi per tutto il giorno, uno per ogni manciata di secondi. Ma molti anche di notte. Storie evidentemente a lungo represse che ora finalmente trovavano una via di sfogo: il vaso di Pandora era stato scoperchiato!

12967430_264906437177865_7000965569865574935_oE ben presto, come per ogni fenomeno che irrompe prepotente e rompe gli equilibri, sono arrivate le critiche, le opposizioni, persino le offese da parte di chi a tutti i costi voleva dire che no, non ci credeva a tanta violenza, che il tale cartello era evidentemente opera di una squilibrata e le parole leggibili in tal’altra foto erano frutto di fanatismo, che di stupro proprio non si poteva parlare e che le autrici esageravano. Messaggi da moderare, da contenere, con una calma ed un equilibrio a volte difficili da trovare, perché le ferite di quelle donne che, in alcuni casi, venivano mostrate allora per la prima volta sanguinavano ancora, ed esposte ai commenti implacabili dei lettori sanguinavano due volte. Qualcuna non ce l’ha fatta, non era pronta, ed all’arrivo dei primi duri commenti ci ha chiesto di eliminare il suo foto-cartello.

Ma tanti, tantissimi, sono ancora lì, e tra essi anche qualcuno mio, delle mie socie, delle donne incontrate ed ascoltate in questi anni di volontariato ed attivismo. Tutti insieme, con quelli di centinaia di sconosciute, a testimoniare un fenomeno che non si può più ignorare. E sarebbero stati anche di più se la campagna non fosse durata solo quindici giorni, perché di messaggi privati con i foto-cartelli ne sono arrivati ancora tanti dopo il 19 aprile 2016.

12968186_266243983710777_5687610419553132899_oQuei cartelli, scritti da madri, da padri, ma anche da ostetriche, sono lì a ritrarre una realtà a lungo taciuta e negata, a dare finalmente voce e dignità ad un dolore represso. Sono lì a dire che attendiamo che chi ne ha le competenze apra gli occhi e trovi i mezzi per restituire finalmente il rispetto dei propri diritti e la bellezza del parto alle donne, alle madri, alle ostetriche ed agli operatori che credono nell’importanza di un’assistenza ostetrica rispettosa.

#Bastatacere è stata un’esperienza potente e travolgente. Per noi, uno sparuto gruppo di madri attiviste che ha avuto l’onere e l’onore di accogliere le storie delle madri italiane, ad un anno di distanza rimangono vive le emozioni di quelle due settimane intense. Da parte mia grande è la gratitudine per chi ha ideato e permesso questo miracolo di sorellanza, e ancor più grande quella per tutte le donne che hanno smesso di tacere.

Denise Montinaro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...