Anteprima: Babies Born Better, i primi risultati italiani

Vi segnaliamo in anteprima la pubblicazione scientifica “Findings from the Italian Babies Born Better (B3) survey“, in uscita su Minerva Ginecologica. Sul seguente link potete accedere all’abstract in inglese: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30264953.

Schermata 2018-10-02 alle 14.45.41.png

La pubblicazione è il risultato della collaborazione di Elena Skoko (Università “Roma TRE”), Alessandra Battisti (Università “Roma TRE”), Claudia Ravaldi (CiaoLapo) e Michela Cericco (La Goccia Magica) dell’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica Italia con ricercatori e fornitori di assistenza alla maternità (ostetriche e ginecologhe) italiani e internazionali, per un’edizione speciale della rivista Minerva Ginecologica, curata dalla prof.ssa Soo Downe della University of Central Lancashire (UCLAN) del Regno Unito.

Si tratta di uno studio qualitativo in cui si analizzano sistematicamente le risposte al questionario multilingue Babies Born Better, condotto nell’anno 2014-15 (la seconda edizione è stata chiusa da poco). Il questionario chiedeva alle donne che avevano partorito nei 5 anni precedenti quali erano le cose migliori che avevano vissuto e cosa avrebbero cambiato nell’assistenza alla maternità in Italia.

L’analisi delle risposte ha rilevato una notevole varietà territoriale, in cui alcune regioni risultano virtuose ed altre rilevano forti criticità. La caratteristica saliente è il desiderio delle donne di un’assistenza “più umana”, caratterizzata dalla gentilezza, professionalità e rispetto.

Questa pubblicazione è il risultato di è una vera e propria ricerca partecipata: non solo è stata condotta con la partecipazione degli utenti, che risultano tra gli autori, ma anche il software per l’analisi è stato acquisito grazie al contributo volontario delle madri e delle associazioni italiane che hanno partecipato al crowdfunding e che, in un giorno e mezzo, hanno raccolto la somma necessaria. Nessuna autrice e nessun autore è stato retribuito e non è stato ricevuto nessun contributo pubblico.